Storia della Metallurgia a Málaga.  

 

Dobbiamo risalire ai tempi dei Fenici per trovare la nascita della metallurgìa a Málaga. Questa attività fu molto importante, giacchè le monete fenicie trovate  nei giacimenti hanno il Dio Vulcano, padrone degli uomini del mare e dei lavoratori dei metalli, vicino a delle tenaglie dei fabbri.

 

Nel sècolo XVI quasi tutti i cannoni dell’ Armata Spagnola  e dei presidi africani erano prodotti nella industria di metallurgìa a Málaga. Si creò nella città uno dei primi Altoforni di Spagna, nel 1725, un grande avanzamento per la industria siderurgica, nella Real Fabrica di San Miguel, specializzata nella produzione di latta. La tecnica usata qui non era molto conosciuta nel resto di Spagna, dove si comincerà ad usarlo nella seconda metà del XVIII secolo.

 

 

 

Il sècolo XIX conobbe la fioritura della più grande industria di siderurgìa di Spagna con M.A. Heredia, e la fabbica La Concepción, a Marbella (Málaga), a 11 km. del giacimento di ferro in Sierra Blanca e con la produzione di  piastre d’acciaio per le botti di vino che commercializzare con l’America. Presto, il processo di fabbricazione si divise e creò una nuova fabbica, La Constancia, a San Andrés, un quartiere della città, dove lavoravano verso 2000 persone con 5 altoforni, 22 forni Puddler, 2 forni di riscaldare e 3 “Cubilotes”, ecc, e che ci mostra la grandeza della industria.

 

Grazie a questa impresa, Málaga ebbe il suo primo treno, sovvenzionato per M.A. Heredia, con il tragitto Málaga-Córdoba, per cercare il carbone di Belmez. Málaga e il suo comercio sono stati sempre uniti all’ industria metallurgica.

 

Oggi, in pieno sècolo XXI, questa industria fiorisce con l’aiuto di tradizione, arte, ingegno e costanza che caratterizzano a questo popolo.

 

Trinidad Fernández González Profesora de la Universidad de Málaga